giovedì 8 dicembre 2016

Bullet journal: basta prokrustynare

Doverosa premessa: non verrò a dirvi di essere una persona che ama l’ordine e l’organizzazione, perché non diventerei ordinata neanche se mi venisse in casa Bree van de Kamp (anzi, probabilmente la sfanculerei con gioia selvaggia rotolandomi fra i vestiti abbandonati sul letto). Però devo dire che il bullet journal mi sta dando una discreta mano a organizzare gli impegni, soprattutto a livello giornaliero.

Ho oscurato lo stretto necessario per non comunicare i miei spostamenti al nemico.


Se non avete mai sentito parlare del bullet journal, prima di tutto vergognatevi. Dopodiché, prima ancora che su Instagram o Pinterest, correte qui.

Per farla molto, ma molto breve, il bullet journal (per gli amici bujo) non è, come molti credono, un particolare tipo di agenda: per farlo si può infatti usare anche il più banale dei quaderni dell’Esselunga. È invece un modo peculiare di tenere un’agenda, improntato sulla massima personalizzazione.
Proprio questa possibilità di personalizzarlo lo rende, a parer mio, molto più utile e versatile della classica agenda.

Confesso di avere faticato un po’ a capire cosa avesse di così rivoluzionario: le prime volte in cui ne ho sentito parlare mi sembrava solo un’agenda fatta a mano e non capivo assolutamente l’utilità di sbattersi a scrivere date e disegnare tabelle quando esistono tante comode agende già pronte, che magari ti regala anche l’assicurazione. Poi, poco più di un mese fa, mi sono convinta a provare: non dico che mi abbia rivoluzionato l’esistenza, ma per ora mi trovo molto bene.
Ci sono alcune cose che devo ancora adattare meglio alle mie esigenze, ma nell’insieme noto che ha saputo darmi degli stimoli interessanti.

Ora, qualunque bullettaro che si rispetti vi dirà di guardare il video originale dell’inventore del metodo, da cui partire poi per le dovute personalizzazioni. Io non faccio eccezione: lo trovate qui.


Vi do appuntamento a dopodomani con tutto il carisma di Alberto Angela per la seconda puntata.

Nessun commento:

Posta un commento

Dite la vostra che io ho detto la mia.